Complemento di Termine

Complemento di Termine

Il complemento di Termine è uno dei complementi indiretti, ovvero non segue direttamente il sintagma al quale si riferisce, ma viene introdotto da una preposizione.

Usiamo questo complemento per esprimere il concetto di un qualcosa che arriva su qualche altra cosa. L'esempio più evidente di questo concetto lo vediamo per esempio in:

SOGGETTO PREDICATO
VERBALE
CMP. OGGETTO CMP.DI TERMINE
il mio amico Enrico ha dato un fiore a Marina

in cui abbiamo un oggetto fisico (il fiore) che si sposta materialmente verso un destinatario (Marina) per effetto del predicato verbale (dare).

Ma avremmo un complemento di Termine anche nel caso in cui ciò che arriva al destinatario sia immateriale, come in:

SOGGETTO PREDICATO
VERBALE
CMP. OGGETTO CMP.DI TERMINE
il mio amico Enrico ha dato un calcio a Piero

e, meno cruento, anche nel caso in cui questo movimento verso il destinatario sia solo figurativo:

SOGGETTO PREDICATO
VERBALE
CMP. OGGETTO CMP.DI TERMINE
(noi) rivolgiamo un pensiero ai nostri cari scomparsi

Come tutti i complementi, il complemento di Termine dipende da un sintagma verbale (viene dopo un verbo, in parole povere). In più, come pochi altri complementi indiretti, può dipendere anche da un sintagma nominale (cioé si può riferire ad un sostantivo) e da un nome del predicato.

Leggi le altre pagine di questa lezione:

le lezioni di Archivium

Usa il motore di ricerca di Google per cercare altri argomenti di tuo interesse di Italiano e di Matematica sui siti di Archivium:

Vieni a fare i compiti di aritmetica o matematica con gli strumenti di Archivium, ti aiuteremo a fare i compiti velocemente e divertendoti!